Il campo morfogenetico e’ il terreno energetico su cui noi camminiamo ogni attimo e che contribuiamo a creare in ogni istante. Il campo morfogenetico o memoria collettiva e’ una forza grande che appartiene a tutta l’umanita’ e a tutta l’anima umana; e’ un programma, un’architettura, che porta in se’ il senso e il perche’ delle cose e le relazioni che hanno una determinata forma e dinamica. Il campo morfogenetico interrogato nello SkyWork risponde alla domanda di come e’ nata una situzione, una manifestazione nella vita. Esso ha una sua coscienza e volonta’ operante e interagente: e’ il contenitore di tutte le cose, passate, presenti e future. Il campo morfogenetico si forma nel divenire delle molecole di proteine che si ordinano in un numero di modelli strutturali: non esistono, infatti, leggi conosciute che implichino la produzione di una sola di queste forme. Tuttavia quando un numero bastevole di molecole assume una determinata configurazione, tutte le molecole successive, anche in tempi e spazi diversi, acquisiscono la medesima forma. Una volta in cui una molecola si organizza in un pattern (modello), esso sembra influire sui patterns simili. Inoltre questi campi emersero come novità creative della natura, ma in seguito diventarono abitudini cosmiche in grado di agire su elementi inanimati ed animati. I geni trasportatori di tali modelli che viaggiano attraverso le culture e che fungono da base per i modelli sono detti MEMI . A volte i memi, nella nostra civilta’ risultano assai inquinati e compromessi. Con lo SkyWork si agisce a questi livelli e per vibrazione e risonanza morfica, si possono produrre gli effetti a distanza.